di Adelaide Guerisoli e Valentina Testa

– Dal 25 al 28 maggio tutti gli studenti delle classi quarte e alcuni delle terze linguistico hanno avuto la possibilità di far parte dello staff dei Campionati Europei Master di scherma, tenutosi a Chiavari. Si sono sfidati a colpi di fioretto schermitori provenienti da tutta Europa e quindi una priorità è stata proprio la comunicazione. Sono stati i ragazzi della nostra scuola ad occuparsene, svolgendo la funzione di interpreti e spendendo così una parte delle loro ore di alternanza scuola-lavoro. Come previsto dai responsabili dell’organizzazione, gli alunni si sono divisi nei vari stands, eseguendo i compiti a loro assegnati.

L’esperienza di Adelaide

Anche io ho preso parte a questo importante evento e vi racconto la mia esperienza.

La mia postazione è stata presso l’ufficio accrediti, dove ho dovuto segnare gli arrivi di ogni giocatore, e anche presso lo stand di vendita di gadget.

Ognuno di noi aveva un compito ben preciso e posso affermare con certezza che la nostra coordinazione è stata davvero ottima.

Credo che questa esperienza sia stata veramente utile, in quanto ha permesso a noi studenti di utilizzare le nostre conoscenze scolastiche nella vita di tutti i giorni: non forse è questo il vero scopo dell’alternanza scuola-lavoro?

Pur rispettando tutti gli altri progetti che la scuola si è impegnata a creare per noi, trovo che questi quattro giorni siano stati gli unici in cui il mondo del lavoro e lo studio siano stati veramente uniti, riuscendo a creare un legame che un giorno si romperà, pur lasciando una base stabile e forte per quello che sarà il nostro futuro.